Home Page Newsletter Guestbook Contattaci Cerca nel sito
Località Rubriche Turismo Cultura Ambiente
 
Borgotaro 9 Novembre 2008 02

Immagini dal campo Capitelli

Ekye Bismark, dalla Fiorentina al Borgotaro calcio, 
per ricominciare  

 

Click per ingrandire
Foto e testi di Andrea Devoti
Attenzione: il  materiale fotografico e i testi riportati sono di proprietà del portale Valtaro.it; é espressamente vietato l'utilizzo in qualsiasi forma, anche parziale o modificata, e per qualsiasi motivo.

bibi9.jpg (133350 byte) bibi8.jpg (212796 byte)
Ekye Bismark, "Bibì"
bibi7.jpg (107270 byte)
bibi1.jpg (138310 byte) bibi2.jpg (143565 byte) bibi3.jpg (102465 byte)
bibi6.jpg (115018 byte) bibi4.jpg (115769 byte) bibi5.jpg (143473 byte)
Foto e testi di Andrea Devoti
Tutti i diritti sono riservati, proprietà esclusiva del portale Valtaro.it, é vietata ogni forma di utilizzo non autorizzato.

Valtaro

 

Ekye Bismark, calciatore: dalla Fiorentina e dalla Nazionale Ganese al Borgotaro calcio, per ricominciare.   La storia di una carriera fermata dagli infortuni, che cerca il riscatto dalla serenità del calcio minore. Di Andrea Devoti

    Funghi porcini valtaro Fungo Porcino IGP

Nel Borgotaro calcio gioca da poco tempo un calciatore nuovo; Ekye Bismark, un ragazzo ghanese con un passato da professionista e con un presente pieno di speranze.

Ekye Bismark, per tutti “Bibì”, nato il 13 gennaio 1981 ad Nkwankw (Ghana) è il nuovo acquisto della società Borgotaro Calcio che milita nel campionato regionale di Prima categoria.
La storia di questo ragazzo ghanese è sicuramente molto particolare, ma al tempo stesso porta in sé un piccola vena di malinconia.

Nel 1999 Ekye arriva in Italia per partecipare al famosissimo torneo giovanile di Viareggio con la sua società ghanese.
Per merito delle sue doti, soprattutto velocità e potenza, finì subito nel mirino di alcune società professionistiche italiane, grazie anche alla grande partita che il ragazzo giocò contro i pari età della Juventus.

Quando si concluse il torneo, al giovane ghanese arrivò un ottima offerta dalla Pistoiese che militava nel campionato di Serie B italiano. 
Dopo sei mesi a Pistoia Bismark approdò alla squadra toscana dell'Aglianese; il primo anno nel campionato Nazionale Dilettanti vinto anche grazie ai gol di “Bibì”, il secondo in Serie C2 dove il ragazzo ghanese si trovò a misurarsi con la grande Fiorentina, retrocessa in C2 per problemi societari.
Quando una domenica di dicembre del 2003 la piccola Aglianese si trovò di fronte alla grande Fiorentina, Ekye dimostrò tutto il suo valore giocando una grande partita e segnando pure un gol.
Il giorno dopo, sfruttando anche l'apertura di mercato di Dicembre, i dirigenti della Fiorentina fecero un offerta irrinunciabile al giovane ghanese che firmò un contratto di tre anni con la squadra “viola”.
Qui “Bibì” ebbe la fortuna di vincere il campionato di Serie C2 e l'anno seguente di giocare 18 partite in serie B. 

Fu allenato da grandi allenatori come Cavasin e Mondonico, ed ebbe come compagni tra gli altri, giocatori come Di Livio, Riganò, Quagliarella, Ariatti e Maggio con il quale tutt'ora mantiene stretti contatti.
Per Bismark questo fu il periodo più fortunato della carriera, le buone prestazioni e la visibilità che gli poteva dare una squadra importante come la Fiorentina gli valsero continue convocazioni con la sua nazionale.

Ekye giocò tutte le partite di qualificazione della nazionale Ghanese under 23 ai giochi olimpici di Atene, e sei partite con la nazionale maggiore per le qualificazioni ai mondiali di Germania 2006, giocando insieme a campioni di livello internazionale come Appiah, Essien e Muntari.
Nel Gennaio del 2004 anche a causa di un esubero di extracomunitari in squadra (il regolamento non ne prevedeva più di due in squadra) la Fiorentina fu costretta a vendere il ragazzo ghanese agli svizzeri del Vaduz.

In Svizzera Bismark continuò a giocare molto bene segnando 5 gol in 22 partite di campionato e debuttando in Coppa Uefa.
Proprio in questa competizione, ad Agosto 2005 in una partita contro i belgi del Baveren il ragazzo ghanese subì un infortunio al menisco.
L'infortunio non sembrava dei più gravi e a metà ottobre il giocatore era di nuovo in campo sempre con il Vaduz.

Purtroppo il dolore al ginocchio persisteva, la prima operazione risultò svolta in maniera errata e a gennaio il calciatore ghanese dovette tornare sotto i ferri per un altro intervento.
Anche in questo caso l'operazione non aiutò il ragazzo che continuò ad avere dolori e gonfiori al ginocchio che ne impedirono la completa ripresa dell'attività fisica.

A marzo 2006 ecco un altra operazione a cui seguirono sette mesi di completa inattività.
A quel punto “Bibì”, a cui era finito il contratto con la squadra svizzera, decise di tornare in Italia dove tra il 2006 e il 2007 ebbe delle brevi esperienze in Serie D con i toscani della Fortis Juventus e i molisani del Campobasso.

Anche dopo queste esperienze Ekye capì che il suo ginocchio non aveva recuperato alla perfezione, quindi insieme alla moglie decise di trasferirsi a Pontremoli.
Qui, grazie al consiglio di alcuni amici, cominciò a frequentare un centro di fisioterapia all'avanguardia dove vengono tutt'ora seguiti anche i giocatori dell'Inter.
Proprio a Pontremoli “Bibì” conosce l'allenatore della Borgotaro Marco Borotti.
Quest'ultimo incuriosito dalle voci di paese sul giocatore ghanese, l'osserva mentre si allena con la squadra pontremolese dell'OM.
In seguito ad un colloquio tra i due Bismark decise di provare ad allenarsi con la con la squadra borgotarese.

A questo punto chi vi racconta questa storia può parlare in prima persona, dato che è stato presente all'arrivo di “Bibi” a Borgotaro e ne è tutt'ora compagno di squadra.
Una sera di metà Settembre prima dell'allenamento del mercoledì negli spogliatoi si rincorrevano voci dell'arrivo di un ragazzo che avrebbe, in passato, giocato nella Fiorentina.
Ricordo che eravamo tutti in campo quando “Bibì” si presentò e come se nulla fosse cominciò a correre in mezzo a noi.

Questo voglio sottolineare, la sua normalità e la sua umiltà, si comportò e si comporta tutt'oggi come un normalissimo ragazzo che gioca per divertirsi in mezzo ad altri ragazzi senza mai far pesare il suo passato.
Bismark è qui a Borgotaro e alla Borgotaro per cercare di ritrovare la forza, la velocità, lo scatto dei tempi passati, è qui per ritrovare la forma migliore che gli possa consentire di tornare a giocare in categorie più importanti. 

E per ritornare a quei livelli Ekye ha scelto un ambiente e una squadra che lo fa sentire a tutti gli effetti uno del gruppo, con una tranquillità che forse non avrebbe potuto trovare a livello professionistico.
Conosco “Bìbì” da due mesi e di lui mi ha colpito la grande allegria, la modestia e la forza d'animo che lo spinge ad andare avanti.

Nonostante l'operazione sbagliata che ha messo a rischio la sua carriera professionistica Ekye non si lamenta e non parla volentieri della sua storia sfortunata, e non perché non la vuole ricordare, ma semplicemente perché crede che la vita sia fatta di questi momenti e che per andare avanti non serva guardarsi indietro ma è importante credere in se stessi e con grande ostinazione lottare per i propri sogni; e “Bibì” sogna di tornare nel mondo del calcio professionistico, ed è ciò che noi tutti gli auguriamo.

Andrea Devoti

ultima notiza sms gratis - UltimaNotizia.com   ruggeri ristorante pizzeria gotra bar albergo valtaro dormire - Ristorante Albergo Ruggeri

 - Borgotaro Funghi & Funghi   - Le primizie della Bottega del Fungo

 - Fruttibosco   - Abergo Ristorante Residence S.Anna

Podere Bignolino Oltrepo Pavese - Podere Bignolino - Oltrepo Pavese   - Vinbun Sciacchetrà

Appartamenti in Affitto a Borgo Val di Taro - Porcigatone   Vendita Cavalli Arabi

  Offerte soggiorni Agriturismi e Bed e Breakfast - Agriturismi in Valtaro